FALSI INVESTIGATORI PRIVATI: L’ABUSIVISMO DILAGA NELLA RETE

Purtroppo oggi giorno le persone, siano essi semplici cittadini, una moglie ferita dall’infedeltà del marito, che rappresentanti legali di un impresa,  un datore di lavoro che si vede recapitare sistematicamente dubbi permessi familiari, usano ricercare la soluzione ai propri problemi personali o, per l’appunto, aziendali, nella RETE, vale a dire INTERNET.

Vogliamo sottolineare e per l’ennesima volta, che internet NON E’ LA SOLUZIONE dei problemi personali e/o aziendali, ma, tutt’al più, una sorta di grande contenitore ove si possono trovare, ma non sempre, SPUNTI per intraprendere la strada verso la DESIDERATA soluzione alle problematiche che affliggono voi o la vostra impresa.

In tal senso e lo ribadiamo ancora, la soluzione vera e propria deve essere proposta solo e soltanto dal PROFESSIONISTA che si è specializzato in un determinato settore e/o specialità e non mediante il cosiddetto “fai da te” improntato, tra le altre, da ciò che si è letto  solo in rete, come se il web fosse depositario di conoscenza e scienza assieme.

L’investigatore privato AUTORIZZATO è il professionista delle investigazioni private e delle indagini difensive, nonché della sicurezza complementare. E a lui ci si deve rivolgere quando nasce un problema, anche per una semplice consulenza che nella maggior parte delle volte sarà gratuita poiché propedeutica alle future attività investigative, siano esse di natura privata che difensiva, se non addirittura legata a questioni di sicurezza complementare, di cui, ad oggi, il detective privato è l’unico punto di riferimento.

Ma nella rete e le FF. OO. ne sono a conoscenza, ci sono molte trappole, messe ad arte da truffatori ed abusivi grazie all’interfaccia grafica che caratterizza la rete stessa, disgregando ed allontanando pertanto, le persone e i rapporti che si potrebbero creare tra le stesse. Vedi i fenomeni sociali FB, WHATSUPP et similia.

Premesso tutto ciò, affidatevi SOLO e SOLTANTO ad investigatori privati AUTORIZZATI dalle Prefetture/Questure competenti per territorio. Quando contatterete il detective privato, cercate di verificare, con semplici e legittime domande, dove si trova la sede dell’agenzia investigativa, chi è il titolare di detto istituto di investigazioni private e penali, quali sono le sue specializzazioni e qual’è stato l’iter che lo ha portato a diventare un investigatore privato. Sul sito istituzionale dell’agenzia investigativa individuate la partita iva, i vari contatti, gli indirizzi ovvero tutto quello che può darvi garanzia di liceità e professionalità e la SICUREZZA di aver contattato un VERO ed AUTORIZZATO professionista del settore.

Quando lo incontrerete chiedete di verificare la licenza prefettizia e le tabelle delle operazioni che DEVONO, per Legge, essere esposte. Fatevi dare un biglietto da visita e, se firmerete un mandato scritto di incarico, copia di detto mandato, ove vi saranno i dati dell’agenzia di investigazioni e informazioni commerciali e, di conseguenza, del titolare che la rappresenta.

Affidarsi ad abusivi, sedicenti e millantatori, in virtù di un prezzo/costo inferiore rispetto alla parcella di un investigatore privato autorizzato, sarà l’inizio di una sconfitta sicura, poiché, primo, le prove eventualmente rinvenute non saranno ammissibili in sede di giudizio, ovvero nella lite che vi vede in causa, secondo,  la parte avversa, indagata, denuncerà Voi per favoreggiamento dell’attività criminosa e concorso in reato quando dimostrerà che il detective privato era un abusivo.

Posted on: giugno 23, 2015, by : marcobiscaro